Corso Finance per non finance

data

L’impatto della pandemia sul mondo del calcio, i possibili futuri cambi della proprietà di alcune società di calcio, la costituzione di una media company per la gestione dei diritti TV, l’evoluzione della gestione degli stadi sono solo alcuni esempi. Sono fattori, questi e molti altri, che rendono oggi ancor più importante avere solide conoscenze di bilancio e di finanza per tutti coloro che lavorano nel settore del calcio. Non più solamente per gli addetti ai lavori. Il Corso Finance per non finance manager dell’Università Cattolica del Sacro Cuore è nato per rispondere a questo bisogno, e offre un insight di carattere operativo e pratico sui principali aspetti di carattere economico-finanziario applicati al calcio.

«Assolutamente unico sul panorama nazionale e giunto alla settima edizione – spiega Claudio Sottoriva, docente di Metodologie e determinazioni d’azienda dell’Università Cattolica e direttore scientifico del Corso – Finance per non finance manager amplia oggi ulteriormente la propria offerta formativa. La nuova edizione del nostro Corso coniuga aspetti economico-aziendali a quelli tecnico-giuridici. E lo fa in un contesto del tutto peculiare in cui, ancora più del passato, la buona governance delle società di calcio diventa fondamentale per la continuità aziendale dei nostri club».

I destinatari del Corso sono molteplici. Manager e professionisti del settore calcio (direttori sportivi, segretari generali, legali, agenti…) che intendano acquisire o sviluppare competenze in merito ai principi economici d’impresa applicati al business specifico del calcio, ma anche manager e professionisti operanti in altre industry: avvocati, funzionari di istituti di credito, dottori commercialisti e giornalisti. «Il calcio non è un gioco – commenta Valerio Casagrande, CFO del Parma Calcio e condirettore del Corso –. Con buona pace dei romantici, sono gli aspetti economici che guidano il funzionamento dei club di calcio professionistici. Vi mostreremo come».

I partecipanti apprenderanno le logiche di funzionamento delle Leghe professionistiche di calcio, per poterle applicare adeguatamente alle tecniche di pianificazione e gestione strategica delle attività e per presidiare i profili economico-finanziari nelle proprie relazioni con interlocutori interni ed esterni all’azienda. «La sostenibilità economica è il nodo cruciale per il futuro del settore calcistico – chiosa Gabriele Nicolella, avvocato e condirettore del Corso – Indagando le dinamiche e i risvolti dell’universo che ruota intorno all’acquisizione dei calciatori e alla loro gestione, andremo ad approfondire le più significative esperienze volte a fornire strumenti per un efficientamento delle risorse».

Il Corso, promosso da Cattolica per lo Sport con il patrocinio di Calcio & Finanza, è patrocinato dalla Lega di Serie A, dalla Lega Nazionale Professionisti B e dalla LegaPro. Può essere frequentato in presenza, a Milano, e da quest’anno anche completamente online. Ovunque vi troviate. Prevede una didattica integrata ricca di approfondimenti metodologici, analisi di casi e interventi di esperti. Le iscrizioni sono aperte fino a mercoledì 15 febbraio 2022. Per informazioni è possibile scrivere all’indirizzo elisa.ballerini@unicatt.it o contattare questo numero: 02.72345701.

Fonte: LEGA BTK – legab.it

Share post:

Popular

Ti potrebbe interessare
Related

Lecce-Inter, prima giornata: i precedenti da Lukaku a Candreva

La squadra di Inzaghi darà il via al campionato...

Cristiano Ronaldo torna in Italia? È stato offerto alla Roma

L'attaccante lascerà lo United. Il Bayern lo tenta, ma...

Esposito dell’Inter in prestito: le squadre interessate

Dopo il rientro all'Inter per il mancato riscatto del...