L’addio a Giuseppe Cairo – La Gazzetta dello Sport

data

Le parole del parroco all’omelia: “Tra le sue passioni c’erano il ciclismo e il Torino”

C’è tanto granata, tanto Toro, ma ovviamente non solo, a dare l’ultimo saluto a Giuseppe Cairo, papà di Urbano e vicepresidente del club, spentosi martedì nella sua casa di Abazia di Masio all’età di 90 anni. Dietro l’altare della chiesa parrocchiale Regina degli Apostoli prendono posto i bambini della scuola calcio e i ragazzi più grandi delle giovanili, tutti in divisa.

Accanto allo stendardo del Torino c’è quello dell’Alessandria, la società in cui da giovane Giuseppe Cairo aveva giocato nel ruolo di centravanti. E poi ecco i calciatori del Toro di oggi, Alessandro Buongiorno, e di ieri, Claudio Sala, mitico capitan scudetto, con Moreno Longo (che è stato pure allenatore) più un tecnico molto amato dai tifosi, Gian Piero Ventura. Arrivano anche gli agenti di Singo (Nana) e Bremer (Paolo Busardò), in compagnia del decano dei nostri procuratori, Giovanni Branchini:…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Juve, allarme difesa: in precampionato 8 gol presi in tre gare, l’analisi

Dall'adattamento di Bremer ai passaggi a vuoto di Bonucci,...

Salernitana, Colantuono sarà responsabile del settore giovanile

L'allenatore avrebbe goduto di un rinnovo automatico in caso...

Luci e ombre del Niño Maravilla a Milano: Inter-Sanchez in 10 momenti

Luci e ombre del Niño Maravilla a Milano: Inter-Sanchez...

Milan, c’è Santamaria tra Onyedika, Sarr e Onana

Tutte le piste per la mediana di Maldini e...