Petruzzi: “Mourinho come Capello. Mazzone un secondo padre. A Brescia Guardiola e Baggio, maestri di umiltà”

data

I ricordi come premio alla fine, il coraggio di partire all’inizio: in mezzo una corsa che ha fatto provare qualcosa di unico. Storia di Fabio Petruzzi, il ragazzo di Testaccio classe 1970 che si è innamorato della Roma da giovanissimo e in campo l’ha difesa finché fisico e buona sorte sono stati dalla sua parte. Carlo Mazzone è stato il suo faro nella Capitale e in provincia, la terra del rilancio quando Petruzzi ha lasciato il grande amore giallorosso. A Brescia ha visto dalla prima fila il film di formazione di Roberto Baggio tra gioia e dolore, ha condiviso pensieri e sogni con Josep Guardiola, arrivato dopo il grande Barcellona con l’umiltà e la dedizione che il calcio di provincia richiede. Oggi Fabio è rimasto sul campo come Pep, nel posto dove sognare non costa nulla. Solo una meravigliosa fatica che provare è ancora bellissimo.

Fabio, lei ha scelto di allenare dopo il calcio: come sta andando questo percorso?

Nel 2005 ho…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Onyedika – Milan: tecnica e resistenza, giocava in Nigeria a piedi nudi

Alla scoperta del centrocampista del Midtjylland balzato in cima...

Juve, Vlahovic gol e addio alla pubalgia: il bomber di Allegri

A secco nel precampionato, doppietta alla prima contro il...

Inter, Skriniar tra Psg e conferma: 15 giorni in bilico

Nervoso, non impeccabile all'esordio, in bilico tra cessione al...

Roma-Zaniolo, incontro: Nicolò resta giallorosso. E a settembre si parlerà di rinnovo

Summit a Milano tra il procuratore Vigorelli e la...