Milik, la seconda occasione del bambino che rubava la cioccolata

data

Abbandonato dal padre, poi ragazzino difficile salvato dal calcio: dall’amore al divorzio difficile con il Napoli, finalmente alla Juve per una nuova vita

Per Arkadiusz Milik è sempre stato così, per diventare grande ha dovuto superare il dolore. Fin da quando era bambino: a soli 6 anni ha dovuto convivere con l’abbandono del padre. Un evento che ha forgiato le sue convinzioni e gli ha permesso di delineare con maggiore determinazione gli obiettivi. Voleva fare il calciatore, ma per davvero.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Hearts-Fiorentina, le nostre pagelle – La Gazzetta dello Sport

RCS MediaGroup S.p.A.Via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano.Copyright...

Dybala: ‘Con Allegri non andavamo d’accordo, con Mourinho…’

Paulo e il paragone tra i suoi ultimi due...

Europa League, Roma-Betis 1-2: non basta Dybala

Dopo il rigore firmato dall'argentino, i gol spagnoli di...

Rapina a casa Di Maria a Torino: la polizia sventa il colpo, un arresto

L'argentino era nella sua villa di Torino insieme a...