Juve, perché a Monza Bonucci in panchina? Tra scelta tecnica e responsabilità

data

Landucci l’ha spiegata come scelta tecnica: “Pensavamo che Gatti fosse la soluzione giusta, ma Leo era a disposizione”. Ma se c’è uno che non ha mai rifiatato è Bremer…

Déjà-vu, ma fino a un certo punto. Come quattro giorni prima con il Benfica, da capitano Leonardo Bonucci ha guidato il gruppo sotto la curva con lo sguardo contrito, apparentemente stavolta fermandosi prima delle lacrime. Quello che è cambiato è quanto successo prima: non il risultato del campo, tristemente analogo, ma il fatto che a Monza Bonucci è stato capitano non giocatore. In panchina, neanche entrato. Mentre la nave affondava.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

T. Silva: “Parlo spesso con Ibra, voglio giocare fino a 40 anni come lui”

Thiago Silva, ex difensore del Milan attualmente al Chelsea,...

Zanetti, Maldini & Batistuta: quanto conta avere un dirigente bandiera

Al Festival di Trento l'ex viola si è candidato...

Juve, Toni: “Vlahovic? Deve svoltare. E Milik…”

"La squadra deve tornare dominante - afferma l’ex attaccante...

Lazio, Immobile lavora per recuperare. Ma resta in dubbio per lo Spezia

Il centravanti ha iniziato le cure per smaltire l'edema...