Zigoni, il ‘Pelè bianco’ che andava a firmare i contratti con la pistola in tasca

data

Idolo a Verona, amante della bella vita, si ribellava al sistema ed era in eterno conflitto con tutti, a partire dagli arbitri che definiva “pagliacci”

L’uomo che si ribellava al sistema dribblando la banalità è stato un ribelle senza causa, insofferente alle leggi del branco, incapace di accettare l’omologazione, uno spirito libero e puro che – dopo un’esclusione dalla formazione titolare – andava a sedersi in panchina con la pelliccia e il cappello da cowboy, provate a immaginare se qualcuno dei campioni di oggi osasse tanto e fosse pronto ad accettarne le conseguenze.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Ecco la nuova Juve di John Elkann. I tifosi sognano Del Piero presidente

La ripartenza sarà affidata ad Allegri e Cherubini. Ma...

Juventus, lettera di Agnelli: “È venuta meno la compattezza”

L'ormai ex presidente: "Stiamo affrontando un momento delicato societariamente....

CdA Juventus: ecco chi sono i 10 membri dimissionari

CdA Juventus: ecco chi sono i 10 membri dimissionari...

Malinovskyi, Muriel, Zapata e forse Musso: Gasp prepara la rivoluzione per la Dea

Malinovskyi, Muriel, Zapata e forse Musso: Gasp prepara la...