Chi è Noah Okafor e perché può servire al Milan

data

Il 22enne attaccante svizzero ha impressionato i rossoneri nelle sfide di Champions col Salisburgo: non è un centravanti puro, ma ha il senso del gol

Se c’è una squadra che tende a farsi ammaliare dagli attaccanti che le segnano contro, quella è il Milan. La storia rossonera insegna che a volte quel genere di acquisto può rivelarsi una gran mossa (Inzaghi, Massaro, Bierhoff, solo per fare qualche esempio di bomber che hanno vinto trofei col Diavolo dopo averlo “punito” con altre maglie) e a volte, invece, si trasforma in un mezzo flop (Dugarry, Andersson, ma anche top player come Kluivert).

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Barella: “Io e la mia Inter siamo cambiati. Ora rimontiamo il Napoli”

Il centrocampista sardo fa il punto: "Ci siamo parlati,...

Faraoni: “Inter? La verità è che non c’entravo nulla. Mi rendo conto solo ora…”

L'esterno dell'Hellas Verona Davide Faraoni ha parlato a Cronache di...

Ibra attore con Verdone. De Laurentiis: ‘Un gigante che è già anche un grande attore!’

Il calciatore sul set in “Vita da Carlo-2”: ha...

Juve, la Procura sul fratello di Chiellini: “È lui il contabile delle plusvalenze”

Nelle carte dell'inchiesta i pm torinesi ricostruiscono il ruolo...