Chi era Achille Lauro, il Comandante che sognò il Grande Napoli

data

Quarant’anni fa moriva il presidente che costruì uno squadrone in grado di competere contro chi gli scudetti li vinceva. Armatore, sindaco, padre padrone e tifoso: ecco la sua storia

Ebbe sogni extralarge, fu un visionario con gli occhiali fumé e la taglia del padre-padrone che misura il cortile con passo marziale. Quarant’anni fa – 15 novembre 1982 – se ne andava l’uomo che per primo ipotizzò di costruire un grande Napoli, trasformando un club di fascia media in uno squadrone in grado di competere contro chi gli scudetti li vinceva in catena di montaggio, lungo l’asse nordista Milano-Torino. Spoiler: non ci riuscì. Ma Achille Lauro detto il “Comandante” coltivò a lungo la sua illusione e anzi riuscì a condividerla con un’intera città, quella stessa Napoli che per un certo periodo governò nel triplice ruolo di presidente, sindaco e uomo più ricco della città (era un armatore che fondò la più grande flotta italiana).

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Ecco le 22 operazioni della Juventus sotto la lente della Procura di Torino

Ecco le 22 operazioni della Juventus sotto la...

“Infame, traditore, sbirro”, alcuni commenti a De Sciglio sul caso Juventus

Il calciatore della Juventus, Mattia De Sciglio viene pesantemente...

Roma, pronto un biennale al ribasso per Smalling. Inter in agguato

Il difensore con ancora poche presenze potrà avvalersi della...