Juventus, Agnelli e le uscite di scena

data

Dall’Avvocato a Umberto, da John a mamma Margherita, da Boniperti a Montezemolo, da Lapo alla Triade: storie di rapporti e di addii che nel club bianconero non sempre sono stati sereni

Nelle dinastie esiste una ereditarietà dei ruoli, forse anche dell’estro e dell’abilità di regnare, a volte dell’autorevolezza. Le dinastie durano il tempo necessario a finire. Quasi sempre, in ogni caso, da parte di questo o quell’esponente, c’è un momento segnato da uno strappo violento con la propria storia e in fondo, anche con l’albero genealogico che l’ha generata. È successo così in queste ore, con il dimissionario Andrea Agnelli che ha chiuso i tredici anni della sua era alla Juventus lasciando tutte le società quotate in famiglia, comprese Exor e Stellantis, “chiudendo una parte importante della mia vita – ha detto al momento del congedo – per affrontare il futuro in maniera libera e forte, con la libertà di pensiero che altrimenti non avrei”, lasciando così intendere…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Mourinho: “Potevo lasciare la Roma a dicembre. Zaniolo deve risolvere con la società”

Il tecnico dopo la vittoria: "Se avessi giocato con...

Roma-Empoli 2-0: gol di Ibanez, Abraham

Il difensore al 2' e Tammy al 6' su...

Milan, la probabile formazione in vista del derby con l’Inter

Messias provato mezzala, però rimane dietro nelle gerarchie. A...

Juve, Montero in Primavera una bandiera anche da allenatore

L’allenatore della Primavera e le pillole di juventinità anche...