La Borsa di Pedullà: Henry, Coda e il domino degli attaccanti

data

A meno di dieci giorni dalla chiusura delle trattative, ecco come cambia il domino degli attaccanti dopo uno “strano” weekend di campionato tra A e B

Basta un minuto e cambia la vita del calciomercato. Soprattutto quando mancano meno di dieci giorni e ci avviamo alla volata. Thomas Henry è un doloroso esempio: è entrato a pochi minuti dalla fine della bella partita che il Verona stava portando a casa, una vittoria sul Lecce per alimentare le speranze di salvezza. Doveva consentire a Djuric di rifiatare, uno spezzone per tenere qualche pallone e far scivolare gli ultimi minuti. Invece, un grave problema al ginocchio e mercato addio.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

La Roma di Liedholm e quella vittoria a Napoli, primo segnale per il titolo

Ottobre 1982: con l’Italia sotto choc per l’attacco alla...

Brozovic si allontana dall’Inter. Pronta l’asta: la Juventus c’è

Il croato sui taccuini anche di Barcellona, Real e...

Lecce-Salernitana 1-2, le pagelle della Gazzetta

RCS MediaGroup S.p.A.Via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano.Copyright...

Sampdoria, Stankovic: “Affrontare l’Atalanta senza paura”

Le parole del tecnico blucerchiato«Andiamo ad affrontare l’Atalanta con...