Scontri ultrà: il triste ritorno della violenza

data

Dagli scontri tra i tifosi di Roma e Napoli all’autogrill a quelli prima del derby di serie C tra Cesena e Rimini: la nuova ondata di incidenti è una questione che il calcio non può accantonare

La grande illusione

—  

Confessiamolo: c’eravamo illusi. Proprio i lunghi mesi degli stadi-deserto dell’era Covid ci hanno fatto capire quanto il calcio senza gente non abbia un grande senso. C’eravamo illusi che questa consapevolezza portasse a un cambiamento. E invece riecco il copione sempre uguale che riporta a galla il tema delle trasferte dei tifosi. Il calcio è riuscito a ridurre gli incidenti allo stadio e nei suoi dintorni, ma si dimostra vulnerabile quando un pezzo della sua “socialità” si sposta altrove. Siamo convinti che gli stadi del futuro, con la loro modernità e la loro tecnologia, e qui il ritardo dell’Italia è cronico, consentiranno molto di più di individuare e isolare i violenti. Ma fuori? Così rischia di andare in onda lo stesso film di…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Spalletti, Gasperini e il vento di Sarri: adesso qualcosa si muove

Difficile dire se lo spettacolo al potere sia ormai...

La Roma di Liedholm e quella vittoria a Napoli, primo segnale per il titolo

Ottobre 1982: con l’Italia sotto choc per l’attacco alla...

Brozovic si allontana dall’Inter. Pronta l’asta: la Juventus c’è

Il croato sui taccuini anche di Barcellona, Real e...

Lecce-Salernitana 1-2, le pagelle della Gazzetta

RCS MediaGroup S.p.A.Via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano.Copyright...