Bari, contro l’ex Vivarini a caccia del primo successo casalingo. Dubbio Diaw

397

Messo in archivio l’agrodolce pareggio di Pisa per 1-1 con la zampata del giovane Akpa-Chukwu, il Bari di Michele Mignani riprende la sua marcia ospitando al “San Nicola” il Catanzaro dell’ex tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini domenica alle ore 16.15. L’allenatore abruzzese ritrova quel Bari preso in corsa in Serie C, dopo l’esonero di Giovanni Cornacchini, e portato ad un passo dalla Serie B sfumata nella finale playoff persa contro la Reggiana in un annata funestata dal Covid.

Tornando ai giorni nostri, il Bari è a caccia del primo successo casalingo del campionato dopo il blitz di Cremona e ben 4 pareggi che danno alla banda di mister Mignani i gradi di imbattuta in questo torneo. E’ chiaro, però, che la piazza è in attesa di un cambio di marcia per Vicari e soci augurandosi di iniziare proprio dalla gara contro i calabresi. Mignani dovrebbe poter contare nuovamente su Davide Diaw, assente dai primi minuti di Bari-Palermo, ma è improbabile l’utilizzo dal primo minuto per il puntero ex Monza. Il tecnico ex Siena dovrebbe disegnare il suo Bari con l’ormai collaudato 4-3-3 dando spazio a Brenno, Dorval, Vicari, Di Cesare e Ricci (favorito su uno scalpitante Frabotta). In mezzo al campo probabile trio con Maiello, Maita ed il confermato Acampora con Nasti, Morachioli e Sibilli a guidare l’attacco.

Biancorossi che si troveranno di fronte un avversario ferito dopo il pesante 5-0 interno subito ad opera del Parma ma che aveva ben figurato nelle prime uscite di questo campionato. La squadra calabrese, neopromossa in questa Serie B, dovrà fare a meno di Situm che contro gli emiliani ha rimediato un brutto infortunio che lo terrà lontano dai campi per un bel pò. Ipotizabile, da parte di Vivarini, un 4-4-2 con la coppia offensiva formata da Iemmello e Biasci con Alfredo Donnarumma a fare da possibile titolare.

Precedenti molto favorevoli per i biancorossi che arrivano da ben 4 successi negli ultimi 4 incroci contro i calabresi. Memorabile ed ancora negli occhi dei baresi l’ultimo precedente tra le due squadre con il 2-1 firmato da una strepitosa sforbiciata di Mirco Antenucci e da Simeri con il momentaneo pareggio firmato dall’ex biancorosso Cianci.

ANTONIO GENCHI