Bari, un super Koutsoupias non rompe il tabù. Col Catanzaro finisce 2-2

294

Il Bari di Michele Mignani inanella un altro pareggio con il Catanzaro che strappa il 2-2 ai biancorossi. Al “San Nicola” vittoria che manca dal 1-0 rifilato al Sudtirol nella semifinale playoff e nemmeno un super Ilias Koutsoupias, autore di una doppietta, è riuscito a rompere questo tabù.

Buona cornice di pubblico al “San Nicola” con oltre 20.000 spettatori e una buona presenza di tifosi giunti dalla Calabria. Arbitra Maurizio Mariani della sezione di Aprilia che ritrova il Bari dopo la finale playoff di andata giocata a Cagliari e terminata 1-1 grazie ad un rigore concesso dal fischietto laziale trasformato nei minuti finali da Mirco Antenucci. I galletti si schierano con un 4-3-2-1 o “albero di Natale” di ancelottiana memoria con Edjouma e Sibilli alle spalle di Marco Nasti. Frabotta a sinistra vince il ballottaggio con Ricci mentre a centrocampo spazio a Maiello, Acampora ed il greco Koutsoupias che si rivelerà una mossa azzeccata. Vivarini, archiviato il pesante 5-0 interno col Parma, disegna il suo Catanzaro col 4-4-2 lasciando in panchina un febbricitante Iemmello e dando spazio a Donnarumma e Biasci come coppia offensiva.

E’ il Catanzaro a tenere le redini delle operazioni con la squadra calabrese che prova a fare la partita ed un Bari che sembra puntare sul contropiede. Alla prima vera occasione, però, i padroni di casa passano in vantaggio: grande azione di Sibilli con l’ex pisano che scocca un tiro respinto da Fulignati, bravissimo e lesto Koutsoupias ad insaccare in rete portando il Bari avanti di uno. Primo gol in maglia pugliese per il centrocampista ex Benevento. Neanche il tempo di riporre le bandiere, che i tifosi del Bari devono incassare l’immediato pareggio: è l’ex monopolitano Sounas a pareggiare i conti finalizzando un cross dalla sinistra. Il Bari accusa il colpo e si affida all’uomo più in forma della giornata ossia Koutsoupias che si costruisce una gran bella azione ma il suo tiro colpisce l’esterno della rete. Sui titoli di coda del primo tempo il Catanzaro mette la freccia del sorpasso con Verna che punisce Brenno e soci. 2-1 ospite e tutti negli spogliatoi sotto una pioggia di fischi da parte dei tifosi biancorossi, evidentemente insoddisfatti di un primo tempo che ha visto i pugliesi molto remissivi.

La ripresa si apre con Morachioli al posto di un deludente Edjouma con Mignani che si affida all’esterno numero 77 per dare vivacità alla manovra offensiva. Brivido al 47′ con un bolide di Sibilli che colpisce la traversa e rientra in campo: azione viziata però da un fuorigioco di Nasti col pallone che comunque non aveva oltrepassato la linea di porta. Al 57′ arriva il pareggio di un Bari in crescita: cross di Frabotta dalla sinistra con Koutsoupias che prima di testa impegna Fulignati poi sulla respinta va ad insaccare andando ad esultare sotto la Curva Nord. 2-2 con ancora una mezz’ora di gioco ed un Bari che sembra aver preso il controllo del match. Mignani butta nella mischia anche Davide Diaw che ritrova il sapore del campo dopo l’infortunio occorso in occasione di Bari-Palermo. Catanzaro che resta in 10 al minuto 86: il neo-entrato Miranda si guadagna prima il giallo e poco dopo il rosso per tentare di fermare un azione di Dorval. Assedio confusionario dei galletti che porta a pochissimo e il Catanzaro strappa un 2-2 che accontenta/scontenta entrambi gli allenatori.

Ancora un pari per il Bari, il quinto in sei giornate di campionato che da una parte allungano il periodo di imbattibilità di Vicari e soci ma dall’altra allontanano i galletti dai piani nobili della classifica. Partita a tratti soporifera con un Catanzaro che spesso si è fatto preferire per costruzione della manovra e vivacità. Meglio il secondo tempo dei galletti incapaci, però, di creare occasioni da gol (al di là delle reti segnate da Koutsoupias che ovviamente si guadagna il titolo di Man Of The Match). Lascia ben sperare in ottica futura il rientro di Diaw che potrebbe dare alla manovra di Mignani quegli inserimenti e quei gol che l’anno scorso dava Walid Cheddira. Prossimo appuntamento per il turno infrasettimanale mercoledi 27 al “Tardini” di Parma contro i gialloblù di mister Pecchia primi in classifica.

ANTONIO GENCHI