Comincia in casa della Virtus Matino il nuovo corso del Città di Otranto

Trasferta difficile per la compagine biancazzurra che sarà impegnata sul campo di una delle sorprese più positive di questo primo terzo di stagione, l’undici allenato da 𝐂𝐥𝐚𝐮𝐝𝐢𝐨 𝐋𝐮𝐩𝐞𝐫𝐭𝐨.

In settimana in casa idruntina si è completato il cambio di guida tecnica: chiusa l’esperienza di 𝐆𝐫𝐚𝐳𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐓𝐚𝐫𝐭𝐚𝐠𝐥𝐢𝐚 sulla panchina è arrivato l’esperto 𝐆𝐢𝐮𝐬𝐞𝐩𝐩𝐞 𝐌𝐨𝐬𝐜𝐚 cui spetterà di tracciare la rotta verso lidi più tranquilli. Giornate intense per il Città di Otranto in campo, con una serie di allenamenti utili a fare amalgamare il nuovo tecnico con la squadra, e fuori: il giudice sportivo ha accolto il ricorso presentato dopo il pareggio con l’Ostuni, assegnando la vittoria a tavolino che garantisce ulteriori due punti in classifica. Domenica pomeriggio tornerà a parlare il campo. A presentare la sfida le parole del tecnico del Città di Otranto, Giuseppe Mosca. «Scenderanno in campo due formazioni decise a fare bene. Da un lato i padroni di casa reduci dalla pesante sconfitta con l’Ugento e desiderosi di riprendere la loro bella marcia, dall’altra noi con la voglia di recuperare il terreno perso in una prima parte di stagione molto complicata».

Mister Mosca continua: «Da qualche giorno ho iniziato a guidare un gruppo dalle grandi qualità morali e tecniche che non ancora raccolto per quanto ha seminato. Ho preso il posto di un ottimo tecnico e di un amico come Graziano Tartaglia, il suo lavoro e impegno sono evidenti per quello che ha fatto a Otranto. Sin dai primi allenamenti ho notato nei ragazzi concentrazione, abnegazione e voglia di dare una sterzata decisa alla stagione. E merito va dato alla società, tutti i dirigenti mi hanno accolto bene e mi hanno messo sin dal primo giorno nelle condizioni di lavorare al meglio».

Il neo allenatore del Città di Otranto conclude: «Dobbiamo essere concentrati soltanto su noi stessi, fare corsa su quelle che sono le nostre attitudini. Ho un gruppo di calciatori che hanno grandi possibilità, molti non le hanno ancora espresse al massimo. Dovremo essere gruppo vero e solido, un unico corpo nel quale tutti andranno in aiuto del compagno. Lavorare e correre l’uno per l’altro, dare tutto quello che abbiamo dentro. Tutti dobbiamo remare verso un’unica direzione».

Fonte: Facebook official page

Share post:



Popular

Ti potrebbe interessare
Related

SIMONE È UFFICIALMENTE ROSSOBLÙ – Taranto Football Club 1927

17 Luglio 2024 La società Taranto Football Club 1927 comunica...

I gol di SV Kematen 0 – Lecce 12 | Test amichevole del 17/07/2024

Fonte: Lecce Calcio Official youtube channel

Colombo: “Monopoli è la mia seconda casa, qui per il riscatto”

Alberto Colombo, tecnico del Monopoli, presenta la nuova annata...