Manfredonia-Paganese 2-0

Dopo il pareggio “rubato” dall’Angri, i sipontini riescono a riscattare l’amaro momento conla Pagenese, altra squadra salernitana.

Dai primi minuti, sia Mancini che Faiello davano filo da torcere a Paduano, che bloccava entrambi i tiri centrali ma deboli. Al 41′, il piccolo di casa, Balba, raccoglieva l’assist di Calemme e spiazzava Esposito battendolo sul secondo palo.

Nella ripresa all’80′, dopo diversi tentativi reciproci, Giacobbe giustiziava i campani con una cannonata dalla distanza che fissava il 2-0 finale.

Accetta di parlare con la stampa, appare disponibile  e un po’ amareggiato per il risultato, il mister napoletano Massimo Agovino: “La qualità ed il cinismo venivano a mancare man mano che i minuti scorrevano e sotto porta non eravamo noi, ci siamo fatti ingannare dai ritmi di gioco avversari e dalla fame di vittoria, evidentemente maggiore della nostra e so che i miei ragazzi non sono così. Siamo stati un po’ arrendevoli di fronte ai padroni casa che ci hanno sempre fatto sudare, anche con lo 0-0 dell’andata. Cosa faremo da martedì? Ciò che ho fatto sempre, sanno che bisogna puntarsi su ciò che non è andato a buon fine in partita”.

Per il Manfredonia, non mancano le dichiarazioni di mister Franco Cinque: “Oggi posso dire che dal punto di vista tattico siamo stati impeccabili, i rivali erano ben organizzati e coordinati, quindi la gara lo richiedeva, nel secondo tempo non abbiamo subito neanche un tiro in porta e questo è indice di una buona interpretazione dal punto di vista dominante. Contro l’Angri? Beh, rimane un punto fondamentale e la ferita è ancora aperta, però non possiamo piangere sul latte versato ed oggi l’abbiamo dimostrato. A chi pensava che il mio esonero arrivasse già da ottobre, mi limito a dire che dall’esterno cerco di assimilare solo positività, la negatività la lascio da parte ed essendo gente di mare, posso affermare che l’unico nostro obbiettivo è “portare la barca in porto”, metafora di salvezza”.

Torna a parlare ai microfoni il portiere giuglianese (Na) Gennaro Paduano, più contento della scorsa volta: “Migliore in campo? Non ho giocato solo io, si vince e si perde insieme, i campani hanno corso e palleggiato tanto, a prescindere dal risultato non è stato semplice contrastarli, però sono davvero felice per Daniele poiché è giovanissimo e merita un bello score personale. La scorsa domenica abbiamo perso un prezioso vantaggio, la nostra diretta concorrente era in allerta dopo la nostra salita, dobbiamo accettare anche questo. Sia chiaro, non è finita qui…”.    

Share post:



Popular

Ti potrebbe interessare
Related

GIUDICE SPORTIVO – XXVIII GIORNATA

27 Febbraio 2024 Il Giudice Sportivo Dott. Stefano Palazzi, assistito...

GS Troia – 𝐈𝐍𝐓𝐄𝐑𝐕𝐈𝐄𝐖 𝐺𝑖𝑢𝑠𝑒𝑝𝑝𝑒 𝐷𝑖 𝐺𝑒𝑛𝑛𝑎𝑟𝑜

𝐴𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑎𝑓𝑓𝑟𝑜𝑛𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑢𝑛𝑎 𝑏𝑢𝑜𝑛𝑎 𝑠𝑞𝑢𝑎𝑑𝑟𝑎, 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑜 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 𝑒𝑞𝑢𝑖𝑙𝑖𝑏𝑟𝑎𝑡𝑜...

Casarano Calcio – Laterza: “Pensiamo una partita alla volta”

LA SETTIMANA – “Siamo pronti e vogliosi di scendere...

Nuova Spinazzola. Intervista a Luca ROMIO

Intervista a Luca ROMIO nel dopo gara Spinazzola-Un.Bisceglie Fonte:...