Angel Di Maria, alle radici del Fideo della Juve: il carbone, la famiglia…

data

Magro come uno spaghetto, salvato dalla mamma dopo essere caduto in un pozzo, papà Di Maria era scettico sulle reali possibilità del figlio. Che quando poi firmò al Benfica, disse loro: “Ora a voi ci penso io”

A un certo punto il padre lo fermò: “Non andare in camera tua, dobbiamo parlare”. Angel Di Maria era già il fideo, “lo spaghetto” di Rosario dal dribbling facile e la sfilza di dubbi relativi al fisico. Da un lato dicevano “sì, il ragazzo ha talento”, ma dall’altro erano un po’ scettici: “Uno così secco non sfonderà mai”. In fondo poteva starci. Prendete una vecchia foto di Angel adolescente. Testa bassa, canottiera nera, occhi scuri, sguardo impaurito e la nomea di “bravino” seguita da un “ma”. Un fuscello dai capelli neri e le gambette agili bollate come ‘leggere’. Per questo il padre lo fermò. Ed è per questo che oggi va alla Juve.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Precampionato, il pagellone Serie A: Milan e Roma 7,5, Inter e Juve 5

Finite le amichevoli estive e disputate le prime partite...

Braglia difende Meret: “Non è stato gestito bene, l’avrei voluto all’Inter”

Così l'ex portiere Simone Braglia sulla situazione di MeretSimone...

Lanna: “Cessione Samp? Speriamo di chiudere entro fine settembre”

Il presidente ed ex difensore dei blucerchiati ha tracciato...

Roma, Wijnaldum si presenta: “Sarà un matrimonio perfetto”

Le prime parole del nuovo centrocampista giallorosso: "Cercherò di...