Nardò, mister Ragno: «Siamo al 70% della rosa, poi toccherà a me»


Dopo due rinvii, ieri è andata a buon fine la presentazione ufficiale di mister Nicola Ragno, neo allenatore del Nardò. La società al completo e il tecnico granata si sono ritrovati nella villa comunale a Palazzo Personè, alla presenza di tifosi ed appassionati.

Le parole dell’amministratore unico, Salvatore Dell’Anna: “Quest’anno mi sono sentito in dovere di assumermi ulteriori responsabilità, che sono tante e ampie. Abbiamo la capacità di fare bene. Non poniamo obiettivi ma la scelta del mister depone a nostro favore”.

Marco Cavalera (presidente): “Essere presidente del Nardò non è come esserlo della squadra di un’altra città. Non sono qui per curiosità ma per passione. Abbiamo il compito duro di riportare entusiasmo dopo una stagione che ce ne ha fatto perdere un po’. Abbiamo rimescolato le carte in società cercando di assegnare a ognuno i compiti più congeniali per cercare di riportare Nardò dove merita. Sono il portavoce di un gruppo di ragazzi che sta cercando di fare del proprio meglio, non il presidente. Quest’anno ci vogliamo divertire, che non significa per forza vincere. Poi vedremo”.

Alessio Antico (general manager): “Il progetto partito cinque anni fa va avanti, anno dopo anno sta diventando sempre più forte. Quest’anno, per la prima volta, bbiamo trovato due persone come Totò (Dell’Anna) e Marco (Cavalera) che si son volute responsabilizzare più di me. Possiamo ambire a qualcosa in più che non vuol dire vincere, ma migliorare il miracolo sportivo che abbiamo fatto in quattro anni che non è poco, vi assicuro, con una pandemia in mezzo e nato da sotto zero. Ragno è una garanzia per la categoria, cerchiamo di trovare l’entusiasmo che ci possa far fare qualcosa in più rispetto all’ultimo anno”.

Nicola Ragno (Allenatore): “Sono emozionatissimo, ritorno qui dopo sette anni con qualche capello bianco e chilo in più, ma l’affetto rimane lo stesso. Spero di continuare il progetto lasciato sette anni fa. C’è grande entusiasmo e ciò fa piacere. Il nostro obiettivo è riportare allo stadio quei settemila che c’erano con lo Scordia. Quest’anno, il campionato è ancora più difficile, nessuno vuole retrocedere, pugliesi e napoletane si stanno già organizzando. Non vi perdete nessuna puntata perché sarà molto bello. Il nostro stadio deve essere il nostro fortino, invito la gente ad abbonarsi. La chiamata del Nardò non si poteva rifiutare. Voglio fare bene in una città che amo. Il mio sponsor è il lavoro. Abbiamo riconfermato pochi giocatori, ne sono arrivati altri e siamo al 70% della rosa, poi toccherà a me. Giocheremo sempre per vincere e per sudare la maglia, questi i nostri obiettivi”.

Nelle scorse ore è stato ufficializzato il difensore 2004 Giancarlo Orlando, proveniente dal Bari.

Il quadro dirigenziale e tecnico al completo: Salvatore Dell’Anna, amministratore unico; Marco Cavalera, presidente; Sandro Muci, vice presidente; Alessio Antico, general manager e area tecnica; Silvano Toma, direttore generale e area tecnica; Fernando Pero, segretario e responsabile della comunicazione; Andrea De Braco, responsabile commerciale;

Nicola Ragno, allenatore prima squadra; Luciano Volturno, vice allenatore; Ivan Aiardi, allenatore dei portieri; Riccardo Liso, preparatore atletico; Francesco Fioretti, fisioterapista; Giovanni Rizzo, medico sociale; Gabriele Calò, match analyst; Enrico Dazzi, team Manager; Dario Perlangeli, mental coach; Michele Margagliotti, accompagnatore ufficiale; Luca Grande, dirigente; Giancarlo Fedele e Samuele Fedele, magazzinieri.

Fonte:NotiziarioCalcio.com

Share post:

Popular

Ti potrebbe interessare
Related

Champions: la Juve ha già 50 milioni, le altre italiane sono a 40. Ma si deve vincere

Sollevando il trofeo, bianconeri, Milan, Inter e Napoli potrebbero...

Lecce, Normann addio Serie A: i retroscena di un caso internazionale

I documenti del trasferimento sono ancora in Inghilterra e...

Onyedika – Milan: tecnica e resistenza, giocava in Nigeria a piedi nudi

Alla scoperta del centrocampista del Midtjylland balzato in cima...

Juve, Vlahovic gol e addio alla pubalgia: il bomber di Allegri

A secco nel precampionato, doppietta alla prima contro il...