Di Michele: “Voglio allenare come Spalletti. Potevo andare all’Inter. Quella volta al posto di Handanovič…”

data

Un muro sgretolato dalle pallonate, quella notte a Barcellona contro il più grande, poi la bella stagione inglese che gli ha spalancato le porte su un altro mondo. Oggi David Di Michele ha 46 anni e aspetta la sua prima grande avventura in panchina

Simone Lo Giudice

“Quando non riesci a fare gol tu, devi far segnare gli altri”. L’egoismo della ragione che non trionfa sempre, l’altruismo della volontà a renderlo un attaccante speciale. Storia di David Di Michele, il piccolo di Guidonia Montecelio cresciuto nel cortile di casa sotto il sole sognando di diventare come Bruno Conti. Lui e Francesco Totti si sono sfiorati appena: è successo alla Lodigiani quando il mito del numero dieci doveva ancora nascere, è ricapitato stagioni dopo quando la Roma ha cercato Di Michele senza però andare oltre. Udine è stata la città delle favole, Londra quella degli orizzonti rimasti fino ad allora inesplorati. L’ex attaccante con la Reggina nel cuore ha scelto da tempo la…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Serie A: Roma bunker e Dybala. Solo i soldi della Champions possono trattenere Mou

La difesa è il punto di forza dei giallorossi,...

Serie A, arbitri 22ª giornata: Torino-Milan ad Ayroldi, Massimi per il Napoli

Diramate le designazioni arbitrali per la 22ª giornata di...

Milan, il valore di Leao sul mercato

Mentre il tempo scorre e per ora non offre...

Mercato, Sampdoria, Colley al Besiktas a titolo definitivo

Accordo raggiunto fra i club. La società blucerchiata incassa...