Juve, l’11 ideale del futuro ce l’hai già in casa

data

I primi segnali di futuro rassicurano. Alla Continassa restano tutti con i piedi per terra, ma a Vinovo la speranza è crescente. Il lavoro sui giovani che la Juve porta avanti da un po’ di anni comincia a dare i suoi frutti anche in funzione della prima squadra. Non è il punto d’arrivo: si tratta solo dei primi accenni di un’epoca nuova, che potrebbe affidarsi molto più agli investimenti calibrati sulla formazione dei propri calciatori e meno sulle aste mercatare per profili fatti e finiti. Un nuovo equilibrio mirato a esaltare il lavoro di scouting e a rendere più sostenibile la struttura dal punto di vista gestionale. Un sogno espresso in tempi non sospetti dal presidente Andrea Agnelli, che alcuni anni fa parlò dell’ambizione di costruire in casa il nuovo Cristiano Ronaldo, e che – passo dopo passo – comincia ad avvicinarsi alla realtà quantomeno sulla costruzione di elementi che possono stare nella rosa di una squadra di un top club. Miretti è un classe 2003 che…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Ibrahimovic: “Mi sento giovane. Il gol? Più importante alzare il livello dei compagni”

Zlatan ricorda gli inizi della sua carriera all'Ajax: "Già...

Dybala: ‘Grazie Roma, se sono ai Mondiali lo devo a te e a Mourinho’

La Joya sulla cinese Zhibo Tv: "Decisiva la gara...

Juve e l’ipotesi uscita dalla Borsa: cosa cambierebbe col delisting

La gestione come un'azienda di famiglia è sempre stata...