Dall’oratorio allo scudetto, fino alla Champions: chi era Vialli in campo

data

La storia di Gianluca Vialli inizia a Villa Affaitati, vicino Cremona, il castello di papà con l’erba rigogliosa. Gianfranco Vialli, imprenditore, osserva il figlio dalla torre più alta e intravede il talento. “Luca”, intanto, gioca con i fratelli e fa la radiocronaca, immaginandosi nel pantheon del calcio. I pomeriggi sono scanditi da un pallone di carta e da scarpe sporche di fango. Gianluca, ogni giorno, gioca prima in giardino e poi all’oratorio Cristo Re. Il primo a intuirne le potenzialità è Franco Cristiani, professore di italiano e allenatore dei Giovanissimi del Pizzighettone. Inizia lì. La Cremonese lo acquista per mezzo milione di lire nel 1978.

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Juve, chi è Pecorino, l’attaccante che ha messo le ali alla Next Gen

L’attaccante della seconda squadra ha messo a segno 3...

Salernitana-Juventus, Nicola: “Allegri saprà come motivare i suoi. Mercato…”

Davide Nicola, tecnico della Salernitana, presenta il match con...

Muriqi, alla Lazio un bidone, un pirata a Maiorca

Esploso in Turchia, il bomber era stato un fallimento...

Zaniolo-Galatasaray, il dramma terremoto in Turchia rallenta la trattativa

Tutti i campionati sono sospesi e la trattativa col...