Napoli bravo e bello, ma Milan, Inter e Juventus gli danno una mano

data

Non è lo squadrone di Maradona, però la capolista approfitta degli errori a catena delle dirette rivali sia in campo, sia fuori

Vedi Napoli e poi… ti mordi le mani. La prima della classe abbaglia e scappa, bella e seducente, brava ad approfittare della bruttezza delle sue dirette rivali. Milan e Inter mirano alla seconda stella, la Juve vorrebbe regalare il tricolore alla famiglia Agnelli per festeggiare il centenario della proprietà.

Tutte e tre a macerarsi tra rimpianti e sfondoni in campo e fuori: chi è senza peccato, scagli il primo titolo. Nessuno si salva. La capolista ottiene il massimo possibile. Un collettivo che in ogni sua componente tenta di dare un senso ai movimenti e agli spunti dei suoi talenti. Il Napoli è stato al comando anche un anno fa, ora ingrana senza senatori come Koulibaly, Insigne e Mertens. Ciò premesso, attenti a non farsi prendere dalla solita tentazione: l’orchestra guidata da Maradona era fuori categoria per tanti dream team italiani. Lo…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Spalletti, Gasperini e il vento di Sarri: adesso qualcosa si muove

Difficile dire se lo spettacolo al potere sia ormai...

La Roma di Liedholm e quella vittoria a Napoli, primo segnale per il titolo

Ottobre 1982: con l’Italia sotto choc per l’attacco alla...

Brozovic si allontana dall’Inter. Pronta l’asta: la Juventus c’è

Il croato sui taccuini anche di Barcellona, Real e...

Lecce-Salernitana 1-2, le pagelle della Gazzetta

RCS MediaGroup S.p.A.Via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano.Copyright...