Calcio e doping, la figlia di Beatrice: “Fu colpa dei raggi X”

data

L’intervista Rai a Claudia, primogenita dell’ex calciatore scomparso prematuramente a 39 anni: “L’inchiesta penale sul caso di nostro padre fu archiviata. Gli altri? Di certo ci sono stati giocatori di quella squadra che hanno contratto malattie importanti e sono deceduti”

La morte di Gianluca Vialli e le recenti dichiarazioni di Dino Baggio, che suggeriscono un legame tra le sostanze somministrate ai calciatori e le malattie successivamente contratte, hanno ridato attualità al tema. A parlarne è Claudia Beatrice, figlia di Bruno Beatrice, ex calciatore tra le altre della Fiorentina negli anni Settanta. Il giocatore morì a 39 anni a causa di una leucemia e la sua scomparsa prematura è stata seguita da altri decessi sospetti di atleti che hanno vestito la maglia viola in quel periodo (tra cui Saltutti, Galdiolo, Longoni, Mattolini). “Mio padre fu sottoposto a una terapia di raggi X molto lunga e pericolosa, che faceva per la pubalgia. Ogni seduta durava 30-45 minuti e venivano…

[continua a leggere sulla Gazzetta dello Sport ]

Altro dalla Gazzetta dello Sport
Related

Spalletti, Gasperini e il vento di Sarri: adesso qualcosa si muove

Difficile dire se lo spettacolo al potere sia ormai...

La Roma di Liedholm e quella vittoria a Napoli, primo segnale per il titolo

Ottobre 1982: con l’Italia sotto choc per l’attacco alla...

Brozovic si allontana dall’Inter. Pronta l’asta: la Juventus c’è

Il croato sui taccuini anche di Barcellona, Real e...

Lecce-Salernitana 1-2, le pagelle della Gazzetta

RCS MediaGroup S.p.A.Via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano.Copyright...