Tegola Nardò: 6.000 euro di multa e cinque anni di interdizione al patron Antico


La settimana inizia in modo amaro per il Nardò. La gioia per la vittoria sul campo contro la Gelbison viene oscurata dalla dura sanzione inflitta dal tribunale federale nazionale. Il patron Alessio Antico è stato interdetto per cinque anni, con l’obbligo di non partecipare a nessuna carica o categoria della FIGC, mentre il direttore generale Silvano Toma è stato squalificato per 80 giorni. Inoltre, la società è stata multata di 6000 euro e il campo sarà chiuso per una giornata, con la partita successiva disputata a porte chiuse.

Queste decisioni sono il risultato dell’udienza tenutasi ieri e sicuramente non rappresentano una buona notizia per il Nardò in questa fase finale della stagione. Il deferimento è stato causato dai disordini verificatisi durante la partita amichevole tra Nardò e Ugento, giocata il 19 agosto 2023 presso lo stadio “Giovanni Paolo II” a Nardò. Gli incidenti coinvolsero sia gli atleti in campo che alcuni sostenitori del Nardò presenti allo stadio, portando alla sospensione definitiva dell’amichevole.

La società del Nardò non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale in merito a questa pesante sanzione, ma è probabile che nelle prossime ore verrà resa pubblica la propria posizione. Senza dubbio, si tratta di una tegola inattesa e molto pesante, soprattutto in vista del futuro del club.

Fonte:NotiziarioCalcio.com

Share post:



Popular

Ti potrebbe interessare
Related

Brambilla: “Onorato di poter allenare squadra storica come il Foggia”

Massimo Brambilla, nuovo allenatore del Foggia, si è presentato...

Pres Potenza: “Nessuna cambiale, conflitto di interesse o affari”

Donato Macchia, presidente del Potenza, ha pubblicato una nota...

A MASSIMO BRAMBILLA LA PANCHINA DEL FOGGIA

 Comunicato Stampa Massimo Brambilla è il nuovo allenatore Il Calcio Foggia...